Nuovo Coronavirus: in aumento i contagi, calo del turismo, in arrivo il vaccino


Sconcertano i dati dell’Università americana Johns Hopkins, secondo cui i contagi totali da nuovo Coronavirus sarebbero oltre 29,4 milioni mentre supererebbe i 930 mila il numero di decessi. I più colpiti restano gli USA, seguiti da India che oggi supera la soglia dei 5 milioni di casi, con un milione di nuovi contagi in soli 11 giorni, e da Brasile.
Secondo le dichiarazioni del Presidente degli Stati Uniti, Donal Trump, il vaccino potrebbe essere pronto entro tre/ quattro settimane, l’ennesimo proclama dopo quello sulla dubbia utilità della mascherina e sul controllo assoluto da parte del governo sul contenimento del virus.

Intanto il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, alla riunione di apertura della 75esima sessione dell’Assemblea Generale inneggia al rafforzamento dei sistemi sanitari dei paesi membri, sostenendo lo sviluppo e la distribuzione equa di cure e vaccini e gettando le basi reali di una vera ripresa.
Sono 7.852 i nuovi casi positivi di Coronavirus in Francia nelle ultime 24 ore, con 37 morti in più, secondo le cifre di Santé Publique France. I decessi hanno raggiunto la cifra di 30.999. In Irlanda l’intero governo è da ieri in isolamento precauzionale a causa del sospetto contagio da coronavirus del ministro della Sanità, Stephen Donnelly. Si attendono i risultati del test.

Battuta d’arresto per il turismo: secondo l’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO) a causa della pandemia di Coronavirus, vi è stata una perdita di circa 460 miliardi di dollari per il settore nella prima metà dell’anno. Le stime non confortano nenache rispetto alla seconda metà dell’anno: si registra infati un calo del 65% del numero di turisti internazionali, dovuto alla chiusura delle frontiere e alle restrizioni per i viaggiatori.


Il calo di attività turistica non va in alcun modo sottovalutato, è un settore da cui dipendono milioni di persone ed ha generato perdite che “moltiplicano per cinque quelle registrate durante la crisi economica e finanziaria del 2009“, afferma l’organismo dell’Onu che ha sede a Madrid.
Di male in peggio: per tutto il 2020, si prevede un calo della domanda di quasi il 70%.

Redazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.