Nel 2017 Google ha eliminato dalla rete oltre 3,2 miliardi di pubblicità fraudolenta


29216901_2060911140859273_8096350198655090688_n

Ben 100 ‘bad ads’ al secondo, tra malvertising e phishing, come spiega nel blog post Scott Spencer, director of sustainable ads, che vengono eliminate dalla rete prima che facciano danni. 79 milioni di questi annunci tentavano di mandare lepersone su siti ripieni di malware, 400mila dei quali sono stati eliminati lo scorso anno. E 66 milioni di annunci “trick-to-click” cercavano invece di installare a tradimento software non richiesto sui device dei navigatori.

L’attività di pulizia ha interessato anche 320mila editori, esclusi dall’ad network per aver violato le policy, mentre 90mila siti e 700mila mobile app sono state messe in blaclklist. Per proteggere gli inserzionisti da contenuti inappropriati, ogni mese sono state eliminate 2 milioni di pagine per violazione delle policy, soprattutto dopo la restrizione delle maglie del regolamento avvenuto nell’aprile 2017 per evitare che la pubblicità finisse su pagine e contenuti controversi, o che promuovevano discriminazione e intolleranza.

Google ha inoltre comunicato che nel 2017 le pubblicità distribuite attraverso il suo ad network hanno portato agli editori 12,6 miliardi. Per tutelare i player che lavorano in modo serio e gli inserzionisti, sono stati analizzati 11mila casi e bloccati 650 siti e 90 editori colpevoli di pubblicare contenuti ingannevoli (ad esempio, un titolo sensazionalistico che conduce a un canale che vende farmaci contraffatti) e 12mila siti che avevano rubato i contenuti da altri siti, quest’ultimo un numero in crescita dai 10mila dello scorso anno.

In ultimo, giusto ieri, a seguito dell’esplosione della ‘febbre da bitcoin’ Google ha seguito Facebook e annunciato che da giugno non consentirà più di pubblicizzare criptovalute sul proprio ad network, per evitare che consumatori poco accorti cadano in truffe o facciano azzardi in un mercato per nulla regolamentato.

 a cura di Professionisti&Creativi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.