Dal futuro della ricerca scientifica alle nuove tecnologie per i beni culturali: tutti i temi della dodicesima edizione del Sabato delle Idee. Sabato 25 Gennaio 2020 ore 10


Si riparte nel salone conferenze della Fondazione Salvatore per una riflessione sulla dismissione dei beni pubblici promossa insieme all’Ordine dei Giornalisti della Campania

L’intelligenza artificiale, la ricerca scientifica e le nuove tecnologie applicate ai beni culturali. Ci saranno molti temi che guardano al futuro e alla rivoluzione digitale in atto nella dodicesima edizione de “Il Sabato delle Idee”, il pensatoio napoletano, fondato dallo scienziato Marco Salvatore, che dal 2009 ha messo in rete alcune delle migliori eccellenze scientifiche, accademiche e culturali del Mezzogiorno.

Quasi cento incontri con oltre seicento relatori: sono alcuni dei numeri dei primi undici anni de “Il Sabato delle Idee” che ha radunato a Napoli, per progettare per Napoli e per il Mezzogiorno, alcuni tra i più autorevoli intellettuali italiani ed internazionali (tra gli altri Jacques Attali, Edgar Morin, Jean-Noel Schifano, Raffaele La Capria e Remo Bodei) ma anche e soprattutto i principali esponenti della classe dirigente del Paese e del mondo delle professioni (come l’ex presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso, l’attuale presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il presidente del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi, l’ex direttore generale della Banca d’Italia, Salvatore Rossi, il presidente emerito del Consiglio Superiore per i beni culturali, Giuliano Volpe, il Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Federico Cafiero De Raho, il presidente emerito delle Corte Costituzionale, Paolo Grossi e l’ex Presidente dell’Autorità garante per la privacy Stefano Rodotà).

Marco Salvatore e Lucio d’Alessandro con il Ministro Gaetano Manfredi e il presidente del CNR Massimo Inguscio – Anche quest’anno si riparte dal futuro dei giovani

“Due lustri di idee e di progetti per Napoli e per il Mezzogiorno con l’orgoglio di essere riusciti a realizzarne qualcuno (soprattutto a beneficio dei giovani delle scuole e delle periferie urbane) e ad avviarne qualcun altro”, evidenzia Marco Salvatore, direttore scientifico dell’IRCCS SDN che insieme con l’Università Suor Orsola Benincasa è stato tra i fondatori di una rete istituzionale che oggi mette insieme ben 12 ‘attori’ unendo importanti realtà culturali (come l’Istituto Italiano per gli Studi Storici e la Città della Scienza), accademiche (come l’Università Federico II di Napoli e l’Accademia di Belle Arti) e professionali (come la Fondazione Ordine degli Ingegneri di Napoli e l’Ordine dei Giornalisti della Campania).

E proprio da una riflessione organizzata con l’Ordine dei Giornalisti della Campania (ed inserita nel piano di formazione ed aggiornamento professionale dei giornalisti) ripartirà la dodicesima edizione del Sabato delle Idee. Il tema dell’incontro sarà la dismissione dei beni pubblici, un fenomeno di grande rilevanza e di grande attualità, che negli ultimi anni ha caratterizzato la politica economica del Paese e che offre numerose opportunità progettuali legate anche ai nuovi concetti di ‘bene comune’.

L’appuntamento fissato per sabato 25 gennaio alle ore 10 nel salone delle conferenze di Villa Sanfelice di Monteforte, prestigiosa sede della Fondazione Salvatore tenuta a battesimo dal premier Conte proprio in occasione di una delle riflessioni della scorsa edizione del Sabato delle Idee.

Ad aprire la dodicesima edizione del Sabato delle Idee ci saranno il Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro, il Rettore dell’Università Federico II, Arturo De Vivo, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli e il fondatore del Sabato delle Idee, Marco Salvatore, patron della Fondazione Salvatore. Alla riflessione sulla dismissione dei beni pubblici, che sarà coordinata da Stefano D’Alfonso, professore ordinario di Diritto amministrativo all’Università degli Studi di Napoli Federico II, prenderanno parte Ilaria Amelia Caggiano, professore ordinario di Diritto privato all’Università Suor Orsola Benincasa, Gaetano Gigliano, magistrato della Corte dei Conti, Giuseppe Recinto, professore ordinario di Diritto privato all’Università degli Studi di Napoli Federico II, Marco Sangiorgio, direttore generale C.D.P. Investimenti S.G.R. ed il notaio Paolo Guida.

Sul sito web http://www.ilsabatodelleidee.it il calendario completo degli appuntamenti del 2020 del Sabato delle Idee che il 22 Febbraio (anche in questo caso all’interno del calendario di incontri di formazione e aggiornamento professionale dell’Ordine dei Giornalisti della Campania) ospiterà anche un importante confronto sul futuro della ricerca con gli interventi del presidente del CNR Massimo Inguscio e del Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi.“Uno dei compiti fondanti del Sabato delle Idee è stato e continua ad essere quello di costruire un nuovo rapporto di fiducia tra i giovani del Mezzogiorno ed una classe dirigente che sappia finalmente avere uno sguardo responsabile e strategico verso il futuro”. Così il Rettore Lucio d’Alessandro, attualmente impegnato anche nella presidenza della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, evidenzia l’impegno del Sabato delle Idee “in riflessioni e progettualità finalizzate a dare ai giovani speranze concrete ripartendo anche quest’anno dall’attenzione agli investimenti sulla ricerca scientifica e al ruolo nevralgico della scuola e dell’università per lo sviluppo del Paese”.

Redazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.