In ricordo di Elvira morta suicida un anno fa, 13 dicembre 2021, nel carcere di Verona


di Micaela Tosato e Monica Bizaj per Sbarre di zucchero

Elvira era una giovane donna rumena di 27 anni, con un trascorso di tossicodipendenza ed aveva pochi mesi da scontare per giungere al suo fine pena; era rientrata in carcere a Verona dopo essere scappata da una comunità, per amore, come tante volte accade.
Il 13 dicembre dello scorso anno però decise di farla finita, dopo una telefonata alla famiglia che le negò il domicilio per poter richiedere una misura alternativa alla detenzione in carcere. Quel pomeriggio Elvira, approfittando del fatto che la sua compagna di cella era in permesso, decise di impiccarsi, decise che le sue speranze ed i suoi sogni erano finiti.

Fu trovata da una ragazza che ai tempi faceva la “spesina” nella sezione femminile dell’Istituto scaligero e che provò a tirarla giù da quel cappio improvvisato, ma per lei non c’era già più nulla da fare, la vita le era già scivolata via dalle mani.
Il suicidio di Elvira però passò inosservato, doveva passare inosservato, per non rovinare l’evento previsto il giorno successivo, ovvero l’inaugurazione dell’area cani all’interno del carcere di Montorio, con la presenza delle Istituzioni locali, e così fu, non ci fu giornale o tv locale che ne parlò, Elvira si suicidò nel silenzio più assordante.
Il giorno successivo le ragazze lì ristrette, quando videro che i tg locali non ne fecero menzione, privilegiando la notizia dell’inaugurazione del canile interno al carcere, inscenarono una protesta rumorosa con la battitura, ma furono subito redarguite dal personale penitenziario che paventò rapporti disciplinari se la battitura fosse proseguita.
Successivamente alla tragica morte di Elvira successe che Eugenia, sua compagna di detenzione, cadde in una profonda depressione, come testimoniato ad uno dei convegni di Sbarre di zucchero, e chiese di poter avere un supporto psicologico per affrontare la sua sofferenza, ma le fu negato dall’Istituto, le fu detto dall’area sanitaria che essendo ancora giudicabile non le spettava questo genere di supporto, come se la sofferenza psicologica facesse distinzione in base alla posizione giuridica di una persona.

Ed oggi le ragazze di Sbarre di zucchero vogliono ricordarla così, per donare ad Elvira, ad un anno di distanza, la dignità di una menzione che il suo suicidio non ha mai avuto:
<<Un anno fa, dopo aver fatto una telefonata, nella Casa Circondariale di Verona si suicidava Elvira. Allora nessuno ne fece menzione, gli unici servizi in TV il giorno dopo furono solamente sull’ inaugurazione della nuova area cani del carcere. Elvira era una ragazza dolce, tranquilla, non si sentiva mai. Le parlavi e ti sorrideva. Non possiamo immaginare il male che si portava dentro per decidere di impiccarsi… Ciao Elvira, sei e rimarrai nei nostri pensieri.
Le ragazze di SBARRE DI ZUCCHERO … quando il carcere è donna in un mondo di uomini
.>>

Micaela Tosato e Monica Bizaj per Sbarre di zucchero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.