CELEBRATA LA GIORNATA UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA.


Unknown

Numerose scuole provenienti da tutta la Campania, associazioni, istituzioni e tanti sindaci hanno partecipato alla Giornata Universale dei bambini e degli adolescenti alla Mostra d’Oltremare. Nel viale delle fontane si snoda la lunga Catena umana per ribadire tutti insieme i temi della Giornata: accoglienza e integrazione. La Giornata è aperta dalla Fanfara dei bersaglieri del II FOD e dal Gruppo di Sbandieratori “Città Regia” di Cava de’ Tirreni guidato da Antonella Palumbo. La presidente dell’Unicef Campania Margherita Dini Ciacci ricorda che sono quasi un milione i minori stranieri che vivono in Italia. “La metà è nata qui – spiega – eppure ancora non sono cittadini italiani. E’ allora necessario riformare la Legge 91/1992 rifacendosi ai principi del superiore interesse del minore e della non discriminazione, principi alla base della Convenzione internazionale ONU sui diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza”. Dal 2010 l’Unicef Italia sollecita l’adesione alla campagna “IO COME TU – mai nemici per la pelle” ed oggi, con l’Anci, sollecita i Comuni a deliberare la cittadinanza onoraria e la costruzione della Città Amica dei bambini e degli adolescenti.

1465209_554519551304607_380242587_n

E il sindaco Luigi De Magistris conferisce la cittadinanza onoraria ad un gruppo di bambini in rappresentanza delle novanta etnie presenti sul territorio. “Non possono esserci diversità tra cittadini nati sul nostro territorio da italiani o da stranieri che vivono qui”, afferma. Un bambino, Filippo, commuove tutti con il suo appello contro chi avvelena la terra, per riaffermare il diritto di essere bambino. Così come il piccolo Claudio, due anni, nato in Romania, investito poco tempo fa da una pioggia di acido lanciata da un balcone.

Foto di Maresa

Presentatori della manifestazione Paolo Coletta, ambasciatore Unicef e Paola Mercurio; saluta il pubblico Mario Porfito, ambasciatore Unicef. Intervengono un gruppo di sindaci del casertano, il sindaco di Volla, che ha conferito la cittadinanza a bambini del suo comune, il vice sindaco di Volla, il vicesindaco di Massa di Somma Rosa Olimpo, comune che ha attivato i Centri di aggregazione per i bambini di scuola elementare, gli assessori del Comune di Napoli Annamaria Palmieri e Alessandra Clemente, il consigliere provinciale Patrizia Sannino. Sottolinea il ruolo di Napoli che deve tornare leader Andrea Rea, presidente della Mostra, ente proiettato sempre più nel futuro. Sono intervenuti Davide Usai, direttore generale dell’Unicef Italia, Umberto Palma, presidente Unicef Sicilia, Simone Esposito, campione del mondo di scherma under 20, Fabrizio Citro, campione europeo di spada. Tanti gli interventi dalla parte dei bambini, da Giuseppe De Stefano, presidente del CSV Napoli, al consigliere comunale Francesco Vernetti, dal Rotary Napoli Est a Ettore Nardi dei Leo. L’avvocato Marotta ha inviato libri per le scuole superiori presenti e ha ricordato le migliaia di volumi che attendono ancora una sistemazione decorosa. Significativi gli spettacoli della scuola di Montesano sulla Marcellana, del Coro Sant’Antonio’s Children, Gruppo Laila, i Ragazzi del laboratorio teatrale e musicale di Nisida coordinati e accompagnati da Pino De Maio, i Quattro per ora, ensemble capitanato dal pianista Andrea Bonetti, la coinvolgente “lezione” di lingua napoletana di Enzo Fischetti.

 a cura di Maresa Galli

Foto di Maresa Galli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.