Si denuda e la rincorre: condannato per violenza sessuale



Punito severamente un conducente di bus che, portato il veicolo in deposito, ha preso di mira una dipendente di una ditta di pulizie. Respinta la tesi difensiva, secondo cui il comportamento dell’imputato era frutto solo di uno scherzo pesante. Evidente, invece, per i Giudici, l’intrusione nella sfera sessuale della vittima.
Ha riportato l’autobus in deposito, una volta finito il proprio turno di lavoro. Ma in quel contesto il conducente ha preso di mira una donna – dipendente di una impresa di pulizie– che era salita sul veicolo per cominciare a lavarlo e ad igienizzarlo, le ha fatto delle avances volgari e, infine, l’ha rincorsa, dopo essersi letteralmente denudato, per riuscire ad abbracciarla. L’uomo ha sostenuto che si è trattato solo di “uno scherzo pesante”, ma i giudici non hanno ritenuto plausibile questa lettura dell’episodio incriminato e lo hanno condannato a due anni e sei mesi di reclusione per violenza sessuale(Cassazione, sentenza numero 51593/18, sez. III penale, depositata il 15.11.2018). 

Intrusione. Ricostruito nei dettagli l’assurdo episodio, verificatosi in provincia di Ferrara, prima in Tribunale e poi in Corte d’Appello l’uomo viene ritenuto colpevole di «violenza sessuale». Inequivocabile, secondo i giudici, il comportamento da lui tenuto nei confronti della donna impegnata ad effettuare le pulizie nel bus da lui portato in deposito.
Di parere opposto, ovviamente, il legale dell’uomo. A suo parere, difatti, «l’atto sessuale» è stato «posto in essere per scherzo», e, quindi, «il bacio al pube della donna e il successivo denudamento con la rincorsa nell’autobus» non rappresentano «alcuna condotta lesiva della sfera sessuale della donna».
Il richiamo difensivo al presunto «clima scherzoso» in cui si sarebbe verificato l’episodio incriminato non convince però i Giudici della Cassazione, i quali, invece, confermano la condanna a trenta mesi di reclusione per «violenza sessuale».
I magistrati tengono a ribadire che «il gesto compiuto per scherzo o con finalità di irrisione è qualificabile come atto sessuale punibile allorquando esso, per le caratteristiche intrinseche dell’azione, rappresenta un’intrusione violenta nella sfera sessuale della vittima». E in questa vicenda è evidente, sempre secondo i Giudici, nel comportamento tenuto dall’uomo «il carattere intrusivo della sfera sessuale» della donna, che peraltro, subito dopo l’episodio, «si era mostrata nervosa ed agitata».
Nessun dubbio, quindi, sul fatto che la condotta tenuta dal conducente del bus «era finalizzata alla soddisfazione di un impulso sessuale».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.