“TI FACCIO VEDERE IO….” – CHE MINACCIA?


2Scontro tra due donne: una si rivolge con rabbia verso l’altra e pronuncia la frase “Ti faccio vedere io”. Quelle parole non sono sufficienti però per una condanna, perché, secondo i Giudici, sono prive di qualsiasi valenza minatoria.

Scontro verbale e fisico tra due donne. Volano parole grosse, e anche una velata minaccia: “Ti faccio vedere io”, dice l’una all’altra. Ma quella frase non basta per arrivare a una condanna (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 53228/18, depositata il 27.11.2018).

Centrali nell’episodio posto all’attenzione dei Giudici sono soprattutto alcune parole che hanno caratterizzato lo scontro tra le due donne.
Per il GdP, la frase incriminata – cioè “Ti faccio vedere io” – è catalogabile come minaccia in piena regola, e quindi sufficiente per una condanna. Di parere opposto, invece, i Giudici della Cassazione, che applicano un’ottica più moderna e ritengono che le parole su cui si poggia l’ipotetica accusa di «minaccia» sono in realtà «prive di qualsiasi valenza minatoria, neanche larvata».
Per i Magistrati del Palazzaccio la frase “Ti faccio vedere io” è «una espressione generica, non evocativa di un male ingiusto per la destinataria», e molto meno grave di quella indicata in origine nel capo d’imputazione, ossia “Stai attenta a dove vai e cosa fai”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.