L’abbandono della casa coniugale è insufficiente per l’addebito


Respinta definitivamente la pretesa della moglie, che puntava a vedere riconosciute le responsabilità del coniuge per la rottura definitiva del loro matrimonio. Per i Giudici, difatti, il dato dell’abbandono del tetto coniugale non è sufficiente, poiché va dimostrato che esso ha determinato la crisi definitiva della coppia (Corte di Cassazione, sez. VI Civile-1, ordinanza n. 11162/2019, depositata il 23.4.2019).

La decisione di andare via di casa, abbandonando così il tetto coniugale, non è dato sufficiente per considerarlo come la causa scatenante della rottura irreversibile della coppia. A chiarirlo i Giudici della Cassazione, che hanno così respinto il ricorso di una donna, che, nonostante il riconoscimento dell’assegno mensile di mantenimento, aveva comunque chiesto di vedere addebitata la separazione al marito (Cassazione, ordinanza n. 11162/19, sez. VI Civile – 1).

Ufficializzato l’addio tra i due coniugi, i Giudici obbligano l’uomo a versare «un assegno di mantenimento di 150 euro mensili» alla moglie e a contribuire anche al «mantenimento delle figlie (maggiorenni ma non ancora indipendenti economicamente)» staccando «un assegno mensile di 400 euro». Per lui, però, c’è anche una piccola soddisfazione: viene esclusa l’ipotesi che «la separazione» dalla consorte sia addebitabile a lui.
Questa decisione viene mal digerita dalla donna, che propone ricorso in Cassazione, evidenziando il fatto che il marito abbia avuto «una relazione extraconiugale» e, soprattutto, si sia reso colpevole dell’«abbandono del tetto coniugale».
Questi elementi, però, contrariamente a quanto ritenuto dalla donna, non sono sufficienti
per ‘crocifiggere’ il marito, ritenendolo colpevole della crisi irreversibile della coppia.
Su questo fronte, in particolare, i magistrati osservano che «il fatto in sé dell’abbandono del tetto coniugale doveva comunque essere provato, non solo quanto alla sua concreta verificazione, ma anche nella sua efficacia determinativa della intollerabilità della convivenza e della rottura dell’affectio coniugalis». Tale nesso non è emerso però in modo chiaro, e tale lacuna è decisiva, poiché, chiariscono i giudici, «non costituisce violazione di un dovere coniugale la cessazione della convivenza quando ormai il legame affettivo fra i coniugi è definitivamente venuto meno e la crisi del matrimonio deve considerarsi irreversibile».

a cura di Alessandro Gargiulo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.