DL n 11/2020 recante misure per contrastare l’emergenza epidemiologica: chiarimenti o ulteriore confusione?


La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha trasmesso al Senato della Repubblica la relazione illustrativa avente ad oggetto il disegno di legge di conversione del d.l. n. 11/2020 recante misure straordinarie ed urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Con essa, alcuni chiarimenti sulle misure poste in atto dal Governo in tema di svolgimento dell’attività giudiziaria.

Ieri, 11 marzo, è stata trasmessa la relazione illustrativa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri al Senato, avente ad oggetto il disegno di legge di conversione del d.l. n. 11/2020 recante misure straordinarie ed urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.
La relazione, dopo aver ribadito la necessità di provvedere, da un lato, all’immediato e generalizzato rinvio delle udienze fino al 22 marzo e, dall’altro, di introdurre disposizioni rivolte a tutti gli uffici giudiziari per garantire il rispetto delle indicazioni igienico-sanitarie fornite dal Ministero della Salute, fornisce alcuni chiarimenti sulle disposizioni introdotte dal d.l. n. 11/2020.
In particolare, si precisa che il primo comma dell’art. 1 «regola il differimento urgente, effettuato d’ufficio, delle udienze fissate nel periodo indicato, con riferimento a tutti i processi e i procedimenti civili e penali pendenti presso ogni ufficio giudiziario, salvi i procedimenti ed i processi individuati specificamente nell’art. 2, comma 2, lett. g), alle condizioni ivi regolate».

Inoltre, il successivo comma 2, «con disposizione di portata generale, riferita a tutti i procedimenti e processi civili e penali pendenti (anche quando non sia fissata udienza nel periodo interessato), dispone la sospensione di tutti i termini per il compimento di qualsiasi attività processuale, ivi inclusi gli atti di impugnazione».
Viene così chiarito uno dei principali dubbi sorti per l’avvocatura?

Intanto, ad oggi gli avvocati devono fare riferimento al d.l. n. 11/2020, tenuto conto che la richiamata “relazione illustrativa” trasmessa al Senato, rimane tale e non può assurgere al rango di legge, valendo quale mera proposta di emendamento.

Alessandro Gargiulo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.